Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Fondazione ReL Riformismo&Libertà

Il nostro punto di partenza è costituito dalla valutazione che nel nostro Paese è sempre stata fondamentale l’alleanza fra cattolici e laici su posizioni liberaldemocratiche e riformiste. Una riprova, a negativo, riguarda il primo dopoguerra: una delle ragioni per cui il fascismo “passò” e vinse fu determinata dal fatto che non riuscì l’alleanza fra i socialisti di Turati, i popolari di Don Sturzo e i liberali giolittiani. Così, nel secondo dopoguerra, è stata decisiva prima l’alleanza della DC di De Gasperi con i laici del PRI, del PSDI, del PLI, poi la collaborazione di centrosinistra fra democristiani, socialisti e laici. Il capolavoro di Berlusconi nel 1994 è stato quello di costruire un nuovo soggetto politico, Forza Italia, che ha aggregato i moderati e i riformisti cattolici e laici dopo che la DC, il PSI, il PSDI, il PLI e il PRI erano stati distrutti da “mani pulite”. L’incontro fra cattolici e laici ha caratterizzato sia la vita di Forza Italia, sia quella, con un retroterra storico assai diverso, di AN: a maggior ragione deve segnare la vita del PDL.
Infatti i cattolici moderati e i laici riformisti si incontrano su comuni valori riguardanti il garantismo e lo stato di diritto, l’importanza della famiglia, l’economia sociale di mercato (con il corollario della sussidiarietà, della riforma del welfare), i fondamenti della politica estera, una politica equilibrata per la sicurezza e il controllo dell’immigrazione. Esiste un terreno di confronto dialettico sui temi della bioetica che comunque, in caso di dissenso, implica la libertà di coscienza. Per ciò che riguarda i rapporti con la Chiesa essi, a nostro avviso, devono fondarsi su questi due punti essenziali: da un lato la Chiesa, nell’esercizio del suo magistero, deve essere libera di pronunciarsi su tutte le materie che ritiene oggetto della sua attenzione; dall’altro lato chi è impegnato in politica deve essere libero di consentire, di dissentire, di ricercare una via intermedia rispetto alle valutazioni formulate dalla gerarchia ecclesiastica.

                                                                                                                  leggi tutto il nostro programma...

    scarica lo statuto... scarica l'atto costitutivo...
Powered by Mediamente s.a.s.